Ultime notizie
Home » Programmazione » Microsoft Entity Framework 5
Microsoft Entity Framework 5

Microsoft Entity Framework 5

In questo articolo daremo uno sguardo al Microsoft Entity Framework 5 e ad alcune delle sue principali caratteristiche.

Microsoft Entity Framework 5 è l’ultima versione di O/RM (Object/Relational Mapper) di casa Microsoft per .NET, che consente agli sviluppatori .NET di lavorare con il database sottostante in maniera astratta sia come struttura sia come interazione. Ciò permette di costruire applicazioni fortemente disaccoppiate dal database, semplificando così sia la manutenzione che lo sviluppo del software.

Visto che la M di O/RM sta per Mapper, è facile intuire che la fase più importante è appunto quella di Mapping tra il modello ad oggetti ed il database. In Microsoft Entity Framework 5 il Mapping è effettuato tramite l’Entity Data Model che è composto da tre file XML:

  • Storage schema (SSDL): contiene tutte le informazioni relative alle tabelle, le stored procedure e le funzioni che vengono mappate.
  • Conceptual schema (CSDL): contiene tutte le informazioni relative alle classi del modello ad oggetti mappate verso il database.
  • Mapping schema (MSL): contiene le informazioni relative al Mapping tra le tabelle nel SSDL e le classi nel CSDL.

Come però è facilmente intuibile, gestire questi file, soprattutto quando ci troviamo di fronte ad un elevato numero di classi e tabelle, non è una cosa molto semplice. Ma per fortuna non dobbiamo editare questi file a mano e ci vengono incontro diverse tecniche di Mapping che ci astraggono dalla gestione dei file e che prevedono l’utilizzo del designer di Microsoft Entity Framework 5 per Visul Studio o di apposite API di Entity Framework.

Le tecniche di Mapping sono:

  • Database-First: si crea il database e lo si importa nel designer di Visual Studio che genera in automatico le classi del modello a oggetti partendo dalle tabelle. Il designer si occuperà di generare i tre file di Mapping.
  • Code-First: si scrivono il codice e le classi del modello ad oggetti e si utilizza sempre il codice per mapparle verso il database. Il run time di Microsoft Entity Framework 5 analizza le classi e le API invocate per creare internamente il mapping.
  • Model-First: si disegna il modello a oggetti e poi lo si mappa sul database usando il designer di visual studio, che si occupa di gestire il mapping.

Poiché Model-First nelle prime versioni di Entity Framework richiedeva molto tempo, questa tecnica è divenuta obsoleta e sostituita con Code-First. Per questo motivo nel prossimo articolo sul Microsoft Entity Framework 5 approfondiremo le sole tecniche Database-First e Code-First.

Non perdete il prossimo articolo, a presto.



About Luigi Melisi

Analista Programmatore Senior, Team Leader in svariati progetti, con esperienza decennale in analisi, progettazione e sviluppo di software gestionale desktop e web, di E-Commerce e sistemi di Content Management System.In questi anni ho utilizzato in prevalenza tecnologie Microsoft (Visual C#, ASP.NET, SQL Server, Visual Studio, Windows Mobile, ecc.) e programmazione orientata agli oggetti, ma ho maturato esperienza anche in altre tecnologie come Java e PHP.Attualmente mi occupo di consulenza informatica, di sviluppo software gestionale personalizzato, realizzazione di Siti Web, di sistemi di Content Management System. ed E-Commerce su misura del cliente.

Check Also

Silverlight anche sui telefonini Nokia

La portabilità delle applicazioni Silverlight si estende ai telefonini Nokia che utilizzano la S60 5th Edition del sistema operativo Symbian, ad esempio i modelli N97 e N97 Mini

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: